• 01IRN

    NUBI MINACCIOSE PRESSO AMASYA

  • 02IRN

    CONFINE DI BAZARGAN

  • 03IRN

    RACCOLTA DEI GIRASOLI

  • 04IRN

    TEVEZ

  • 05IRN

    LAVORAZIONE DEI GIRASOLI

  • 06IRN

    MECCANIZZAZIONE PER I GIRASOLI

  • 07IRN

    LAGO URMIA

  • 08IRN

    PASTORE SUL LAGO URMIA

  • 09IRN

    CURIOSI LUNGO LA STRADA

  • 10IRN

    PRANZO MELONE TIME

  • 11IRN

    LAGO DI TACKT E SOLEMAYN

  • 12IRN

    ROVINE DI TACKT E SOLEMAYN

  • 13IRN

    RESTI DEL TEMPIO DI ZOROASTRO

  • 14IRN

    TACKT E SOLEMAYN HDR

  • 15IRN

    BAZAAR DI ZANJAN

  • 16IRN

    FABBRO AL BAZAAR DI ZANJAN

  • 17IRN

    INIZIO DELLA GULF HIGHWAY

  • 18IRN

    LUNGO LA GULF HIGHWAY

  • 19IRN

    BAZAAR DI KASHAN

  • 20IRN

    LE GEOMETRIE DEI TETTI DI KASHAN

  • 21IRN

    TRAMONTO VERSO ESFAHAN

  • 22IRN

    ARRIVO SULLA IMAM SQUARE - ESFAHAN

  • 23IRN

    CUPOLA SU IMAM SQUARE

  • 24IRN

    PANORAMICA DI IMAM SQUARE - ESFAHAN

  • 25IRN

    LA VECCHIA ESFAHAN

  • 26IRN

    PASSEGGIATA IN PIAZZA

  • 27IRN

    ALTRO LATO DI IMAM SQUARE

  • 28IRN

    IL MULLAH DELLA GRANDE MOSCHEA

  • 29IRN

    CURIOSITA' E CORDIALITA'

  • 30IRN

    LA NUOVA ESFAHAN

  • 31IRN

    NEGOZI DI STRADA

  • 32IRN

    LA SECCA SOTTO IL KHALJU BRIDGE

  • 33IRN

    NOTTURNO AL KHAKJU BRIDGE

  • 34IRN

    FANSTASTICI 4 AL KHALJU BRIDGE

  • 35IRN

    PASTORE DEI MONTI ZAGROS

  • 36IRN

    ...CON IL GREGGE

  • 37IRN

    RITRATTO DI FAMIGLIA

  • 38IRN

    VALLATA DEI MONTI ZAGROS

  • 39IRN

    AMBULANTE CON STADIRA - MONTI ZAGROS

  • 40IRN

    DAI COMPRA QUALCOSA

  • 41IRN

    NON VEDI QUANTA BELLA FRUTTA CHE HO?

  • 42IRN

    PASSEGGIANDO SUL MAHARLU LAKE

  • 43IRN

    GUIDANDO SUL MAHARLU LAKE

  • 44IRN

    LO STRANO COLORE DEL MAHARLU LAKE

  • 45IRN

    TRANS ALP SUL LAGO SALATO

  • 46IRN

    TRAMONTO AL MAHARLU LAKE

  • 47IRN

    FOTOGRAFI ACCANITI

  • 48IRN

    LA VERA PROTAGONISTA

  • 49IRN

    PIZZA E PIZZAIOLO DI SHIRAZ

  • 50IRN

    ACCAMPAMENTO NOMADE VERSO PERSEPOLI

  • 51IRN

    TENDA NOMADE

  • 52IRN

    NON SPRECHIAMO L'ACQUA

  • 53IRN

    LAVORI AL MARGINE DEL DESERTO

  • 54IRN

    LA FAMIGLIA RIUNITA

  • 55IRN

    MAMMA E FIGLIA

  • 56IRN

    OSCAR ED ERIK SUL VIALE DI PERSEPOLI

  • 57IRN

    PAPA' GIOCHI CON ME?

  • 58IRN

    TRAMONTO DALLA COLLINA DI PERSEPOLI

  • 59IRN

    ROVINE DI PERSEPOLI ALL'ORA BLU

  • 60IRN

    NOTTURNO/CONTROLUCE A PERSEPOLI

  • 61IRN

    YAZD - LE TORRI DEL SILENZIO

  • 62IRN

    YAZD

  • 63IRN

    YAZD - LE TORRI DEL VENTO

  • 64IRN

    CENTRO DI YAZD ALL'ORA BLU

  • 65IRN

    FOTOGRAFO PERSIANO

  • 66IRN

    E SONO 100.000

  • 67IRN

    ... PROPRIO 100.000

  • 68IRN

    IO E LA T.A. NEL NAMAK DESERT

  • 69IRN

    OSCAR ERIK E SIMONE NEL NAMAK DESERT

  • 70IRN

    CAMMELLI NEL NAMAK DESERT

  • 71IRN

    CARAVANSERRAGLIO

  • 72IRN

    CON LE GOMME INTERMEDIE E' STATA DURISSIMA

  • 73IRN

    LA FOTO RICORDO CI VUOLE PROPRIO

  • 74IRN

    MOSCHEA DI ARANVA BIDGOL

  • 75IRN

    VERSO RASHT ATTRAVERSO I MONTI ELBRUZ

  • 76IRN

    MAR CASPIO OLTRE LE NUVOLE

  • 77IRN

    SULLE RIVE DEL MAR CASPIO

  • 78IRN

    AD ASTARA E' GIORNO DI MERCATO

  • 79IRN

    SUL CASPIO PIOVE SPESSO

  • 80IRN

    AMICI DI VIAGGIO

  • 81IRN

    RISAIE SUL MAR CASPIO

  • 82IRN

    SPERIAMO SI SPOSTI

  • 83IRN

    SULLA VETTA DI MONTI ELBRUZ

  • 84IRN

    AGRICOLTORI VERSO TABRIZ

  • 85IRN

    ARRIVO A TABRIZ

  • 86IRN

    SCIUSCIA PR LE VIE DI TABRIZ

  • 87IRN

    NEL BAZAAR/CARAVANSERRAGLIO DI TABRIZ

  • 88IRN

    LA MERAVIGLIA DEL BAZAAR DI TABRIZ

  • 89IRN

    RIPARO TAPPETI

  • 90IRN

    ARCOBALENO INTERO A DOGUBAYAZIT

  • 91IRN

    RITORNO A ISTANBUL

  • 92IRN

    PIAZZA TAKSIM - ISTANBUL

  • 93IRN

    SEX AND THE CITY

  • 94IRN

    IL BOSFORO

  • 95IRN

    PARTENZA PER IGOUMENITSA

SULLE STRADE DELL'ANTICA PERSIA - SILK ROAD EP I

banner iranLa foto davanti al cartello stradale dopo Dogubayazit nel 2011 aveva un pò anticipato il nostro primo vero tour sulla Via della Seta, l'antica Persia, oggi conosciuta come Iran. Amici e conoscenti ci hanno sconsigliato definendo il tour una pazzia, niente di più sbagliato, il tutto è avvenuto in assoluta sicurezza... e chi ci leggerà trarrà le sue conclusioni. Il vero must del viaggio sono stato lui: il popolo Persiano con la sua grande voglia di conoscere e di comunicare, diverse volte ci siamo persi a chiacchierare con loro. Il costo della vita è estremamente basso e si può trascorrere una vacanza da nababbi spendendo una cifra ridicola: un pieno alla Trans Alp meno di 3 euro. Dal paesaggio mi aspettavo qualcosa in più, l'Iran è un'enorme altopiano con pochissima acqua in superficie quindi spesso ci si muove in paesaggi aridi e monotoni. Le città, potenzialmente meravigliose, durante il racconto di viaggio, vedrete che mancano in qualcosa... 

 

Documenti Necessari:

  • Visto rilasciato dal consolato di Milano
  • Passaporto valido
  • Assicurazione personale
  • Patente internazionale
  • Fotocopie di tutto
 

Attrezzatura fotografica:

  • Nikon D 300
  • Nikon D 200 (macchina di riserva)
  • Nikkor 70/200 f 2,8
  • Nikkor 18/200
  • Nikkor 50 f 1,4
Per seguire meglio il racconto di viaggio guarda la mappa del tour qui

 

Giorni   1-2   16-17 settembre   Ravenna - Njs   km. 1.150   Njs - Istanbul   km. 750

Mi incontro con Oscar per la colazione poco dopo le 5. Dirigiamo verso Venezia per la SS309 poi autostrada fino a Trieste. Abbiamo appuntamento con Simone alla ex frontiera fra Slovenia e Croazia. Ci salutiamo poi proseguiamo verso sud. Abbiamo scelto la rotta balcanica per evitare la monotonia del traghetto e la solita strada Igoumenitsa-Istanbul, la cosa non è da ripetere. La ex jugoslavia centrale non è proprio il massimo. Arriviamo a Njs appena fatta sera, ci sistemiamo in albergo, una grigliata mista e via a letto, siamo sul cotto andante. Il mattino dopo un0interruzione prima del confine bulgaro ci impone una sosta di un'oretta, entriamo in Bulgaria, qua le strade sono tutto un programma, buche, avvallamenti, animali sulla strada e automezzi contromano, un far west. L'autostrada fra Sofia e Plovdiv ci fa rivalutare la tanto vituperata E45, un fondo che in alcuni tratti rasenta la tole onduleè. Arriviamo in tempo all'aereoporto di Istanbul per l'arrivo di Erik, che è già in tenuta da moto. E' mezzanotte passata quando arriviamo in centro all'Istanbul Hotel e vista la fame da lupo mi concedo un'insalata con jogurt... della mattina prima: pessima idea, sarà una notte a base di cesso e imodium.

Giorni   3-4   18-19 settembre   Istanbul - Amasya   km. 750   Amasya - Agri   km. 750

DVD 0528La mattina partiamo con calma, 750 km di strada che conosciamo, tutto procede bene, arriviamo ad Amasya verso sera, ecitiamo l'hotel della volta scorsa e puntiamo su un residence al di la del fiume. La compagnia è riunita e passiamo una serata in scioltezza parlando del tour che ci aspetta, le aspettative sono altissime. La mattina dopo, sulle 9 30 dirigiamo verso la valle dell'Eufrate, sempre bellissima e raggiungiamo Erzurum nel tardo pomeriggio, la sera ci sorprende sul passo prima di Agri, fa freddo ed ha appena piovuto, serve molta prudenza. Prima di Agri scorgiamo un bell'hotel sulla destra, deve essere nostro, dopo una contrattazione quasi vergognosa spuntiamo 70 euro per la camera con colazione e cena per 2: aggiudicato. A cena si parla del passaggio in Iran, domani è il grande giorno, c'è eccitazione ma anche un pò di timore. 

Giorno   5   20 settembre   Agri - Urmia   km. 450

DVD 0536La giornata è bellissima, da Dogubayazit un lungo rettilineo porta alla frontiera di Bazargan, una lunghissima fila di automezzi aspetta di passare il confine, regolarizziamo l'uscita dalla Turchia, vediamo in alto due poster di Khomeini e di Khamenei, ci fermiamo davanti al cancello. Una guardia ci apre, ci indica dove mettere le moto e ci fa cenno di seguirlo con i documenti. Naturalmente obbediamo e ci conduce in un ufficio dove compiliamo 2 moduli, l'impiegato, gentilissimo ci controlla visto e passaporto poi con un gran sorriso ci ringrazia per aver sceltoil suo paese come meta per la nostre vacanze. Ci accompagnano alle moto e ci dicono di avanzare per il controllo bagagli. Anche qui la cosa è rapidissima, visto l'ambiente cordiale chiedo se posso fare foto, la guardia mi dice "of course" e si mette in posa! Questo ha dell'incredibile, in nessun posto di frontiera è concesso fotografare, in Iran si. Fuori dalla frontiera veniamo assaliti dai cambio-valuta, altra sorpresa, il cambio che ci propongono è identico a quello bancario quindi nessuna fregatura. Facciamo subito benzina, il pieno all'incredibile prezzo di 3 euro, tutti ci salutano, un automobilista ci ferma e ci porge delle mele, non ricordo in quanti ci ringraziano per aver scelto il loro paese! Siamo piacevolmente sorpresi. proseguiamo verso Urmia, la giornata, che era passata al nuvoloso ora è di nuovo bellissima, facciamo una lunga sosta per assistere alla raccolta dei girasoli, i contadini si prestano entusiasti alle nostre foto e ci regalano un girasole dal quale mageremo brustule per qualche giorno. Il primo impatto con il tanto temuto Iran è eccezionale. Arriviamo a Urmia nel tardo pomeriggio, ci sistemiamo in un hotel "di fortuna" l'unico senza wi-fi di tutto il tour,ma che importa, le prime sensazioni sono ottime. 

Giorno   6   21 settembre   Urmia - Zanjan  km. 470 

DVD 0653Iniziamo ad addentrarci in questo paese così lontano dai nostri usi e costumi, costeggiamo il lago Urmia, che ora è un lago salato secco, abbiamo un'incontro ravvicinato con un pastore della zona e attraverso l'altopiano arriviamo a Tackt e Solemayn, le rovine del tempio Zoroastriano più famoso di tutta la Persia, la posizione è incantevole, salendo vedi le rovine del Tempio che sorgono attorno ad un lago con acqua blu cobalto e sul lato destro un rilevo montuoso che fada appoggio a tutto il complesso, peccato per la poca cura del sito e per l'orribile impalcatura che deturpa le rovine principali. Girovaghiamo in libertà poi intratteniamo con una famiglia di Iraniani, parlano un pò di inglese e ci dicono che il restauro è in corso da anni. Mi godo Also Spracht Zaratustra di Strauss poi riprendiamo la strada che ci condurrà a Zanjan, viaggiamo sui 2000 mt, il paesaggio è arido e ondulato incastonato da alcune vette che si scaldano alla luce calda del tramonto. Vediamo Zanjan subito dopo il tramonto, ci sistemiamo in un motel con piccoli lodge lungo la strada principale e ceniamo nel più bel ristorante che abbia mai visto, sembra una grotta sostenuta con arcate in pietra facciavista che delimitano innumerevoli nicchie con al centro i grandi tavoli iraniani dove mangi seduto: uno spettacolo. 

Giorno   7   22 settembre   Zanjan - Kashan km. 600

DVD 0726La mattina la dedichiamo interamente al bazaar di Zanjan, la città famosa per i coltelli più belli dell'oriente, Oscar, un vero intenditore del settore rimane un pò deluso, effettivamente vediamo qualche bel pezzo ma niente di eclatante, dopo un paio d'ore ritorniamo alle moto e partiamo per Kashan, optiamo per la strada facile che costeggia Teheran a sinistra... e la centrale nucleare a destra... per poi deviare verso sud dove inizia la Gulf Highway. In Iran alle moto non è permesso andare in autostrada ma ai turisti si e perfino gratis, polizia e personale ai caselli, con ampi sorrisi ci fanno segno di passare, increduli transitiamo e ringraziamo. Altra chicca, a un controllo, mostro fiero la mia patente internazionale nuova di pacca, la polizia la guarda, si vede chiaramente che non sanno cosa sia e infatti chiedono il passaporto! Imboccare la Gulf Highway è una piccola emozione, si tratta dell'autostrada che taglia tutto l'Iran fino a Bandar Abbas sullo stretto di Ormuz, uno dei punti nevralgici dell'area. Passiamo Quom, una delle due città sacre dell'Iran, 20 km di autostrada illuminata a giorno e quando è sera fatta arriviamo alla periferia di Kashan. Albergo in periferia, moto in sicurezza e cena all'aperto.

Giorno   8   23 settembre   Kashan - Esfahan   km. 230

DVD 0841Oggi avremo poco più di 200 kilometri da percorrere e dedichiamo gran parte della giornata a visitare la bella Kashan con i suoi tetti caratteristici, le case patrizie e l'accattivante Bazaar. Proprio qui facciamo l'incontro più interessante della giornata, una donna di mezza età tutta velata in nero ci chiede, in perfetto inglese, cosa pensiamo delle donne iraniane, noi, senza calcare troppo la mano le diciamo sinceramente cosa pensiamo, lei di rimando ci dice che siamo in errore in quanto lei vive solo per il suo uomo per scelta e non perchè costretta, sua sorella invece che vive in occidente che ha molti amanti (non è sposata) rappresenta la parte perduta della famiglia. Ci scambiamo opinioni in modo molto civile ed educato per circa 20 minuti poi ci salutiamo cordialmente, anche questo è l'Iran! Nel primo pomeriggio  sempre sulla Gulf Highway procediamo verso Esfahan, 30 km prima veniamo colpiti dall'enorme torre di raffreddamento della centrale nucleare che si staglia verso il tramonto, uno spettacolo che mette i brividi. Arriviamo nel centro di Esfahan, seconda città dell'Iran, il traffico è indescrivibile, siamo costretti ad alcune soste perchè il GS dell'Afrika Korps raffreddato ad aria si riscalda, qualche sfottò ad Oscar ma tutto finisce in risate. E' sera quando mettiamo le ruote sulla fantastica Imam Square, il vero contro della città, foto di rito e hotel a 5 minuti dalla Piazza. Serata in scioltezza sulla piazza, ai mitici ponti penseremo domani.  

Giorno   9   24 settembre   Esfahan

OSC 2175Tutta la giornata viene dedicata ad Esfahan, Imam Square innanzitutto dove facciamo 2 bellissimi incontri, il primo con due ragazze universitarie, che ci chiedono con insistenza della vita in occidente e della grande fiducia che hanno in Rohani, il nuovo presidente iraniano che sta cercando di riformare lo stato teocratico. Il secondo con il Mullah della Grande Moschea il quale in un sermone di quasi mezz'ora ci elenca gli ovvi i difetti dell'occidente, tralasciando però di elencare le evidenti mancanze del suo mondo. La monumentale Imam square, tranne la Sheikh Mosque è quasi tutta in restauro, questo è un vero peccato e una cosa ricorrente in tutto l'Iran, forse per gli effetti dell'embargo ma anche perchè il turismo non è ancora visto come una fonte di reddito. Vediamo da vicino come vengono costruiti i fantastici tappeti in seta di Esfahan poi, nel tardo pomeriggio ci trasferiamo nella zona dei ponti ed in particolareDVD 1096 l'affascinante Khalju Bridge. Qui forse la più grande delusione del viaggio, il fiume, deviato per raffreddare la centrale nucleare è in secca e le sale da the lungo il ponte chiuse, le fantastiche foto in rete, stando a quello che ci viene detto sono state scattate almeno 3 anni prima! Il Khalju nonostante tutto è bellissimo e pieno di vita come Imam Square e aspettiamo li le prime luci della sera all'ora blu. La sera a cena, concordiamo tutti nel pensare che Esfahan non lo è, ma potrebbe essere la più bella città del Medio Oriente se curata meglio.

Giorno  10   25 settembre   Esfahan - Shiraz   km. 500 

DVD 1176Dopo un giorno di sosta abbiamo voglia di guidare, così decidiamo di lasciare la Gulf Highway e percorrere la strada dei Monti Zagros, scelta azzeccatissima in quanto alcuni incontri, pastori e venditori di strada ci fanno respirare l'aria dell'Iran rurale, scambiare un paio di chili di mele con un accendino non è da tutti i giorni. I Zagros si ergono sopra l'altopiano e la strada con curvoni da sballo e un fondo pressochè perfetto tocca i 3300 metri, sarà il clima o non so cosa ma nessuno risente di problemi d'altitudine, il paesaggio è arido con qualche chiazza di un verde intenso che ci segnala la presenza di acqua in fondo ad alcune piccole vallate. Shiraz è la città meno persiana dell'Iran centrale, arriviamo sul viale principale dove sono tutti gli alberghi, per la verità mimetizzati molto bene e con tutte le scritte in farsi, per trovarne uno sudiamo le proverbiali sette camicie, non ha luoghi memorabili e ha l'aspetto decisamente moderno. 

Giorno 11   26 settembre   Shiraz - Maharlu lake - Shiraz   km 100

DVD 1319La mattina la dedichiamo a una veloce visita di Shiraz poi nel pomeriggio dirigiamo verso il Maharlu Lake. Si tratta di un lago salato poco lontano dai caratteristici riflessi rossastri, dati da un'alga presente nella poca acqua rimasta. E' un vero spettacolo, ne percorriamo il perimetro per circa la metà poi scegliamo il punto dove entrare, sento il croc del sale sotto le gomme, sensazione da me provata solo nel Chott in Tunisia. Con il calar del sole il fondo rosa si trasforma in arancio fino a diventare mano a mano più intenso, scorgiamo un pontile che si addentra per qualche centinaio di metri verso il centro del lago e li, aspettiamo che arrivi la sera rapiti dai colori di un simile irreale paesaggio. E' stata una grande giornata, abbiamo saputo rimpiazzare una mezza delusione con un pomeriggio memorabile.

Giorno  12   27 settembre   Shiraz - Persepoli   km. 60

DVD 1403Ho già detto che la prima impressione di Shiraz non era stata entusiasmente, infatti dirigiamo subito verso il complesso archeologico di Persepoli, la residenza Ciro il Grande. Poco fuori dalla città veniamo attirati da un villaggio nomade ai bordi della strada, offriamo sigarette e prendiamo foto per quasi un'ora. Contrariamente alla nostra usanza, sistemiamo i bagagli in un motel poco distante dal sito archeologico, poi visto che il sole è ancora alto, facciamo il tour "funerario" alle tombe dei grandi re persiani, quelle di Dario e Serse, scavate nella roccia con bellissimi altorilievi meritano una veloce visita, quella di Ciro il Grande una vera delusione, un parallelepipedo con un tetto in pietra in mezzo a una "larga". Ora, luci e ombre di Persepoli: imboccando il lungo grande viale d'ingresso scorgi da subito le rovine che si ergono sotto la montagna e avvicinandosi si ha immediatamente l'idea della maestosità del sito. Vieni accolto con una bella musica, un'aria che ti fa pensare agli antichi fasti e alle gesta eroiche dei Persiani, la posizione sotto la montagna è fantastica, ci addentriamo e direi che nonostante qualche lavoro di restauro è uno dei siti meglio tenuti che abbiamo visto. Da una terrazza della collina dietro il complesso, al tramonto si gode di una vista fantastica. Aspettiamo la sera per scattare qualche foto in cavalletto... e qui la sorpresa, l'illuminazione l'ha sicuramente progettata un cieco: due fari potentissimi accecano chi sta nel piazzale d'ingresso, nessuna illuminazione dal basso e spesso la collina dietro è più illuminata delle rovine. 

Giorno  13   28 settembre   Persepoli - Yazd   km. 500

DVD 1619Durante il percorso non ci perdiamo la chicca della zona, un cipresso di 4000 anni, oltre ai caravanserragli poco distante dalla strada è l'unica attrazione di un paesaggio arido e semidesertico, arriviamo a Yazd in pieno pomeriggio, la scelta dell'autore della Lonely Planet sarà il nostro tetto per 2 notti. Al tramonto ci rechiamo alle Torri del Silenzio, uno dei maggiori luoghi di culto Zoroastriani dell'antica Persia. Subito fuori città si ergono 2 colline coniche che servivano per le cerimonie funerarie. Il luogo è notevole e suggestivo, ma anche qui tutto è lasciato allo sbando, in questo caso direi quasi all'abbandono, un vero peccato. Trascorriamo la sera girovagando per il centro e qui un'altra scoperta, le moschee all'ora della preghiera serale, sono semivuote... mah.   

Giorno  14   29 settembre   Yazd

DVD 1731Non so se Yazd sia la città più bella, ma sicuramente è quella che mi ha colpito maggiormante, il centro storico ha proprio l'aria di una città pre-desertica e le Torri del Vento, disseminate ovunque le danno un'aspetto unico. Le Torri del Vento sono dei maxi camini che convogliano l'aria fresca nella casa, insomma, la loro aria condizionata. Le costruzioni sono quasi tutte in pietra ricoperte da un impasto formato da terra e paglia di un colore giallo ocra. Visitiamo una casa patrizia trasformata in boutique hotel, roba da mille e una notte, da fare impallidire quelle di Kashan. Verso sera trovo il tempo per far riparare il contachilometri della moto, è importante, domani la T.A. farà 100.000 km. La sera, dopo un agguerritissimo summit, cedo alla maggioranza, nonostante che sia distante "solo" 550 km. tagliamo Bam, la zona di Kerman non è consigliata se non in  viaggi organizzati; ma visto che ormai mi conosco è una meta solo rimandata.  

Giorno  15   30 settembre   Yazd - Kashan   km. 400 

DVD 1896Abbiamo raggiunto il punto più lontano del viaggio e ora invertiamo la rotta, torniamo verso Kashan, poco lontano c'è il Namak desert con un caravanserraglio raggiungibile con 40km di pista. A poco più di 100 km da Kashan c'è l'avvenimento: i 100.000 kilometri della Transa Alp, considerando che per lo più sono stati fatti in viaggi come questo, sono decisamente emozionato. Scarichiamo i bagagli nello stesso hotel dell'andata poi dirigiamo verso la pista del Namak. C'è qualche lingua di sabbia, un pò di ghiaione e solo alla fine una terribile tole onduleé, gli ultimi 5 km mettono a dura prova moto e pilota. Alcuni cammelli in fila indiana passeggiano poco lontano la pista, arriviamo al caravanserraglio ai margini del deserto, oltre i riflessi in un lago salato e il nulla. In completo controluce con il sole basso affrontando un pò di sabbia per evitare la tole onduleé perdo aderenza e cado, nulla di grave; la sera ci sorprende ancora sulla pista e gli ultimi kilometri sono all'insegna della massima prudenza, una sosta alla Moschea di Aranwa Bidgol e torniamo all'hotel: grande escursione!

Giorno  16   1 ottobre   Kashan - Rasht   km 520 

DVD 1933Per non fare la stessa strada dell'andata decidiamo di fare una deviazione costeggiando il Mar Caspio, a Quom deviamo a sinistra per una camionabile così evitiamo l'agglomerato di Teheran, la strada è bellissima in mezzo a colline rossastre, i camion sfrecciano a velocità inaudite e sono a centinaia, non ho il coraggio di fermarmi a prendere qualche foto, lo rimpiango ancora ma il mio sesto senso ha detto di evitare e io lo ascolto sempre. La strada attraverso i monti Elbruz è bellissima con larghi curvoni e un asfalto impeccabile.  Scolliniamo sui monti Elbruz e improvvisamente il clima secco viene sovrappasto da quello umido e piovoso del Mar Caspio, prendiamo anche due gocce alla periferia di Rasht. La città, non ha quasi nulla di Iraniano e la popolazione è di lineamenti Azeri, è una città all'insegna del wi-fi, presente in albergo, bar e ristoranti... ma quanto sono avanti rispetto a noi? 

Giorno  17   2 ottobre   Rasht - Tabriz   km 500

DVD 2040Questa mattina è tornato il sole, solamente qualche nuvola sulle montagne, procediamo sulla costa del Caspio (durante una sosta Oscar mi scatta una delle più belle foto che ho con la T.A.) fino ad Astara, sul confine Azero: qui all'ingresso di ogni paese c'è un cartellone con le facce delle persone morte durante la guerra contro l'Iraq, realizzo che durante i giorni trascorsi in Iran non ho mai sentito maledire Americani o Israeliani, ma gli Iracheni si, la guerra per il dominio dello Shatt el Arab è ancora molto sentita. Nella tarda mattinata il cielo ritorna ad essere grigio ma di li a poco avremmo riscollinato verso l'altopiano desertico e infatti quasi in vetta agli Elbruz improvvisamente il cielo diventa azzurro e siamo investiti dalla calda aria del deserto, vediamo le nubi sotto di noi in direzione del Caspio, è uno spettacolo. Transitiamo da Ardabil, forse il luogo più inospitale che abbia mai visto, una polverosa città in mezzo al deserto spazzata da un vento inclemete. Nel tardo pomeriggio arriviamo a Tabriz, famosa per il suo bazaar, si dice il più bello di tutto l'oriente.

Giorno  18   3 ottobre   Tabriz - Dogubayazit   km. 320

DVD 2088Dedichiamo mezza giornata allo splendido bazaar di Tabriz, vengo anche ripreso dalla polizia politica perchè sono in canottiera, una guida governativa si offre di farci da cicerone gratis, noi acconsentiamo e per ripagarlo gli chiediamo di condurci in qualche negozio di sua fiducia per fare qualche acquisto. Il Bazaar di Tabriz è veramente una meraviglia, è formato da 6 caravanserragli riuniti, la pulizia e l'ordine regnano sovrani. Ci intratteniamo con la nostra guida che si dimostra persona gentilissima, educata e colta, si vanta di lavorare per l'agenzia turistica governativa e nelle pause di lavoro, per dare una migliore immagine all'estero del suo paese, accompagna gratuitamente i turisti che incontra, cose da noi impensabili e incomprensibili. Nel pomeriggio partiamo, abbiamo 2 scelte o passare per il Kurdistan oppure per Dogubayazit, scegliamo quest'ultima e cene pentiremo. E sera quando lasciamo l'Iran, con un velo di tristezza facciamo l'ultimo pieno a 3 euro, e dopo le pratiche doganali rientriamo in Turchia, ci fermiamo nello stesso albergo del 2011, il gestore ci riconosce subito, chiediamo del "guardiano" un vecchio che stava sempre seduto fuori dalla porta della hall, ci dice che è morto pochi mesi prima... 

Giorno  19   4 ottobre   Dogubayazit - Refahiye   km. 540

DVD 2169Potremmo ancora deviare per Van ma l'arcobaleno di fronte a noi ci convince a passare per il centro, da Erzurum, tutto procede bene fino a dopo Erzincan sulla E80, quando improvvisamente a quasi 2000 metri veniamo investiti da una bufera di ghiaccio e neve. Quelli sono stati i 50 km più lunghi della mia vita di biker, visibilità 50 mt. e temperatura a zero, dalla visiera del casco, leggermente aperta perchè non si appannasse, entrava ghiaccio, si procedeva al 30/40 km orari, non si vedeva anima viva. Chiediamo ospitalità in un'area di servizio ma le poche camere sono piene, poco dopo un'area di servizio con un motel enorme, entro e gli dico senza mezzi termini che se non hanno camere ci saremmo accomodati nel ristorante vicino al fuoco: alla reception ridono di gusto, si hanno 2 camere: siamo salvi, mezz'ora di doccia bollente ci rimette in sesto. Intanto fuori continuava a nevicare, lo farà fino a tarda notte, siamo preoccupati un bel pò!   

Giorno  20   5 ottobre   Refahiye - Tosya  km. 490

OSC 3520La mattina è un freddo pungente, ma la strada è completamente libera dalla neve. Partiamo, facciamo ripetute soste perchè Simone non ha lo scaldamanopole e le mani sono in principio di congelamento. Proseguiamo per la E80 e col passare dei kilometri la temperatura si fa meno rigida, sfiniti vediamo un bell'hotel sulla strada e ci fermiamo, sono solo le 5 del pomeriggio ma l'idea di una bel bagno caldo prende il sopravvento... si bagno caldo... caldaia rotta, ci dicono che in un'ora sarò tutto ok: mentono... farò il bagno alle 10 di sera con l'acqua appena tiepida! In compenso mangiamo in un ristorante vicino al fuoco della cucina, e nelle condizioni in cui eravamo vi garantisco che non è poco!

Giorno  21   6 ottobre   Tosya - Istanbul   km. 500

DVD 2345Il freddo continua, le soste per le mani di Simone continuano e finalmente arriviamo a Istanbul, il cielo è coperto e la temperatura accettabile. Sosta d'obbligo prima del ponte sul Bosforo poi guadagnamo l'And Hotel. Serata in giro per il centro fra Moschea Blu e Santa Sofia, di comune accordo decidiamo di concederci una giornata di riposo per vedere la zona di Taksim Square e il palazzo del Topkapi. Naturalmente al ristorante si parla del viaggio, le riflessioni ve le scriverò in un paragrafo dedicato a fondo pagina. Ci fermeremo un giorno prima di ripartire per casa.

Giorno  22   7 ottobre   Istanbul

DVD 2334Dedichiamo la giornata alla Taksim Square e al palazzo del Topkapi. Ci muoviamo in autobus, un paio d'ore sulla Taksim, il queartiere è vero cuore commerciale di Istanbul e immancabilmente è tutto molto diverso dal Cordno d'Oro. I caratteristici tram bianco rossi attirano l'attenzione dei pochi turisti, infatti qui sono quasi tutti turchi, il turismo si ferma nella città vecchia. Dopo un paio d'ore di bighellonaggio torniamo alla città vecchia e, dopo l'obbligatoria visita all Mosche Blu, entriamo nel Topkapi, la sala delle armi dei Sultani e il famosissimo pugnale di smeraldi sono da vedere assolutamente. Di sera qualche foto fra Santa Sofia e la Moschea Blu e passeggiata in centro, c'è un pò di tristezza come capita sempre alla fine di un grande viaggio. 

Giorno  23   8 ottobre   Istanbul - Igoumenitsa   km. 980

DSCN6314Partiamo di prima mattina, ci schieriamo davanti alla hall dell'hotel e partiamo, dobbiamo coprire la distanza con Igoumenitsa in giornata, il traghetto che ci condurrà in Italia c'è alle 22,30. Tutto bene fino a dopo Salonicco, poi acqua fino a Igoumenitsa. Arriviamo fradici stanchi e infreddoliti. Facciamo uno strappo alla regola e ci regaliamo le cuccette. Morale, ottobre per un viaggio del genere è troppo avanti, in Turchia neve e in Grecia brutto tempo, sono zone che se l'autunno anticipa sono dolori.

Le strade dell'Iran

Poco da dire, le strade che abbiamo percorso sono tutte fantastiche con un asfalto leggermente abrasivo, il che non guasta, Le città sono caotiche all'inverosimile e gli iraniani guidano come degli scatenati. In ogni caso si raccomanda prudenza, nei paesi rurali bambini ed animali possono sbucare da ogni parte e fra veicoli vige la legge del primo arrivato cioè il primo che arriva passa.  

Equipaggiamento

Ormai le solite cose, camere d'aria di ricambio, olio, nastro americano e compressore. Come abbigliamento ho portato sia quello estivo traforato, in Iran può fare molto caldo, sia quello invernale, nelle montagne turche può fare freddissimo in fretta se l'autunno anticipa. 

Riflessioni, highlights e Lowlights

L'Iran è un'enorme altopiano arido con pochissima acqua in superficie e il paesaggio ne risente sicuramente, per intenderci non ha le vallate e i colori spettacolari come la Turchia orientale, ma, con l'eccezione della zona che subisce l'influenza climatica del Mar Caspio è completamente arido e a tratti inospitale. La Bellissima Esfahan è senz' acqua sotto i ponti: il fiume è stato deviato per raffreddare la centrale nucleare poco fuori città, questo, oltre ai perenni restauri presenti un pò ovunque ne limita l'impatto visivo. In poche parole, direi in tutto il paese, mancano le finiture, una su tutte la cervellotiva l'illuminazione di Persepoli. Il Maharlu lake nei pressi di Shiraz è una meraviglia e se dovessi nominare la più bella città che ho visto direi Yazd, ma anche qui le Colline del Silenzio sono quasi all'abbandono. Il viaggio in ogni caso va fatto, soprattutto per la gentilezza e la voglia di comunicare del popolo Persiano. Ci fermavano solamente per parlare, ci hanno fatto regali, ci hanno ringrazionato per aver scelto il loro Paese come meta delle nostre vacanze... insomma, i temuti iraniani non sono assolutamente come ci vengono descritti, anzi, tutto l'opposto.