Italian Italiano
  • 12 TSR

    ATTRAVERSANDO IL CHOTT

  • 13 TSR

    COLOSSEO DI EL JEM

  • 14 TSR

    INTERNO DEL COLOSSEO DI EL JEM

  • 15 TSR

    FUORI DAL COLOSSEO

  • 01 TSR

    ARRIVO AL SET STAR WARS EP 1

  • 02 TSR

    PROFANA SUL SET DI STAR WARS

  • 03 TSR

    VENDITORE AMBULANTE DI MOS ESLEY

  • 04 TSR

    LE AMMIRAGLIE A MOS ESLEY

  • 05 TSR

    SUNSET ON  TATOOINE

  • 06 TSR

    AMMIRAGLIE A TATOOINE

  • 07 TSR

    CANYON PARALLELO ALLA PISTA ROMEL

  • 08 TSR

    T.A. E CHOTT EL GHARSA

  • 09 TSR

    LASTRICATO DELLA PISTA ROMMEL

  • 10 TSR

    T.A. SU PER LA PISTA ROMMEL

  • 11 TSR

    CAPORALE WERMACHT MOTORIZZATA

PAGINA IN COSTRUZIONE

 TUNISIA - PISTA ROMMEL

Adesivo 30 10E' da un pò di tempo che con Mauro, parliamo della Pista Rommel, la pista costruita dai tedeschi per evaquare i resti dell'Africa Korps dopo la battaglia di El Alamein, dovevamo partire a febbraio, ma il maltempo ci ha costretto a rimandare. Abbiamo entrambi una settimana un pò scarica dai rispettivi lavori e decidiamo in fretta e furia di partire. Prenotiamo il traghetto Civitavecchia - Tunisi 3 giorni prima e si parte, come sempre, sulle ali dell'entusiasmo, una settimana di caldo secco non ancora opprimente è quello che ci vuole appena usciti dall'inverno. Presto qui disponibile la mappa del tour

 

Giorni  1-2   4/5 Aprile  Russi - Civitavecchia - Tunisi - Hammamet   Km. 370 + 80

Abbiamo il traghetto Civitavecchia - Tunisi a fine pomeriggio, partiamo nella tarda mattinata, il tempo è variabile ma la temperatura eccettabile. Abbiamo naturalmente l'abbigliamento invernale, la scelta si rileverà azzeccata, tranne un paio di giorni di caldo quasi torrido. Il traghetto partirà con 2 ore di ritardo, non ci resta che aspettare intrattenendoci sui social con i rispettivi smart phone. Prima di andare in cabine, facciamo un'itinerario di massima, la traversata è tranquilla, almeno crediamo visto che si è dormito come dei sassi: si il passaggio ponte è prettamente un'opzione estiva! E' metà pomeriggio quando finiamo le pratiche di ingresso in Tunisia e puntiamo verso Hammamet, la zona degli alberghi è semi deserta e molti sono ancora chiusi. Puntiamo un bel 4 stelle per 42 euro in 2 compreso cena e colazione! Mettiamo in sicurezza le moto, di fronte all'ingresso della hall, il personale che parla perfettamente italiano ci dice che da un paio d'anni i turisti hanno ripreso ad arrivare, mancano solo gli italiani. La cena a buffet è monumentale!

Giorno  3   6 aprile   Hammamet - Tozeur   Km. 400 + 100 Ong Jimal

Prendiamo la strada per il sud a metà mattina, mano a mano che si macinano chilometri la vegetazione cala, gli ulivi spariscono e vengono rimpiazzati dagli argusti della zona pre-desertica, circumnavighiamo Kairouan e procediamo per Gafsa, il caldo comincia a farsi sentire e apro tutte le prese d'aria possibili sia nei pantaloni che nella giacca. Arriviamo a Tozeur nel tardo pomeriggio, ci facciamo accompagnare da un locale nella guest house che avevamo prenotato con booking, l'ora è ideale per introdurre Mauro nel clima di Star Wars,  il set abbandonato nel deserto dell'Ep. I è poco distante e una strada asfaltata lo collega a Nefta, circa 30 km dalla Guest House. Chi volesse andare, a Nefta si prende l'indicazione per Ong Jimal, dal bivio sono circa 15 km di una bellissima strada asfaltata in mezzo a piccole dune bianche. Il Set è molto peggiorato da 6 anni prima, alcuni tetti sfondati ed è pieno di venditori di cianfrusaglie, ma che vuoi, il turismo porta anche a questo. Mauro, anche se non ha mai visto uno Star Wars, (vergogna) ha incredibilmente apprezzato moltissimo, ci siamo intrattenuti con qualche venditore e abbiamo girato più volte con le action cam accese in mezzo alle costruzioni stellari fino oltre il tramonto. 

Giorno  4   7 aprile   Tozeur - Pista Rommel   Km. 250

E' il giorno della Pista Rommel, facciamo il pieno alle moto e dirigiamo verso Redeyef, la giornata è stupenda. La strada per la discarica dove inizia la pista è interrotta quindi la prenderemo da sud, infatti una strada parallela asfaltata, in mezzo a magnifici canyon ci conduce all'ingresso sud della pista, che avevo importato sul Tom Tom prima di partire, l'entusiasmo è alle stelle, e una piccola caduta dell'Aprilia non riesce a smorzarlo, d'altra parte anche a me, la prima volta che guidai in queste strade successe: 2 volte. Un pò di scena... io avevo gli occhialoni da "caporale motociclista" acquistati in ferramenta, e Mauro si era portato il cappello da Ufficiale, non ti dico quelli che passavano mentre ci facevamo le foto!!! La pista è più rovinata di 6 anni fa, in alcuni punti con avvallamenti e ghiaione smosso. Guadagnamo la vetta e torniamo a Redeyef, il ritorno lo facciamo per la strada delle oasi di montagna, Tamerza e Chebika, passiamo davanti al Tamerza Palace, che aveva ospitato me e Simone nel tour del 2012: ora è chiuso. 

Giorno  5   8 aprile   Tozeur - Gabes   Km. 270 

Oggi attraverseremo il Chott, l'idea era di arrivare a Matmata ma una tempesta di sabbia portata dal Ghibli, ci fa cambiare idea: a Kebili fuori dall'oasi la visibilità era ridotta e la sabbia fastidiosissima, decidiamo così di deviare direttamente verso la costa a Gabes, nel sud della Tunisia questi fenomeni a primavera possono durare dai 2 ai 3 giorni. Fuori dal Ghibli, abbiamo anche il tempo di prendere un violento temporale passeggero, la strada coperta di sabbia con la pioggia era diventata insidiosa. Alloggiamo nell'ennesimo 4 stelle con tutte le comodità.... piscina chiusa, un solo bar aperto, quasi nessun turista, ma un'ottimo ristorante! Peccato, la zona di Matmata e le dune di Douz sono molto belle.

Giorno  6   9 aprile   Gabes - Monastir   Km. 290

Lasciamo Gabes a metà mattina, procediamo con calma verso il colosseo di El Jem, gli dedichiamo un paio d'ore. El Jem, una cittadina costruita intorno ad un colosseo romano splendidamente conservato. Lasciamo le moto in custodia al proprietario del bar di fronte all'ingresso, poi dopo la visita ci concediamo un pò di relax prima di ripartire. Non ero mai stato a Monastir, arrivando attraversi una piccola laguna che separa il centro abitato dal continente, una bella scenografia. Il quartiere turistico rimane a Nord, lungo la strada per Sousse ma però decidiamo di prendere alloggio in centro. Solito albergone super economico ma un pò trasandato, a questo punto direi come tutti.

Giorno  7-8    10-11 aprile   Monastir - La Goulette - Civitavecchia   Km. 180 + 370 

Il rientro verso la Goulette procede regolarmente sotto qualche goccia d'acqua, durante le procedure d'imbarco ci intruppiamo con un gruppo di biker che avevano trascorso la loro vacanza fra le dune di Douz e Ksar Ghilane, traversata di ritorno perfetta,  durante il rientro attraverso l'appennino rimpiango già le temperature della Tunisia.

 

Le strade del Tour

Le strade che abbiamo percorso sono tutte ottimamente asfaltate e ben segnalate, la polizia ha un grande rispetto per i turisti rispettosi e noi lo siamo. Guidare nel centro delle città è sempre un pà problematico... agli incroci vige la legge che il primo che arriva passa. 

Highlights &  Lowlights 

Beh, il tour è stato tutto molto bello, la Tunisia penso sia l'unico paese che in 100 km di diametro ti da e 3 deserti, quello rosa, il bianco e quello di montagna, per noi le cose più emozionanti sicuramente la location di Guerre Stellari, il set abbandonato nel deserto è di una suggestione unica, e la Pista Rommel, percorrerla lè sempre emozionante e devo dire che la nuova strada parallela offre scorci memorabili in mezzo a rocce rossastre, vale la pena di farle entrambe. Gabes, la più grande oasi della Tunisia è evitabile, le località balneari del nord sono molto migliori.